OVO SODO

Bhé dal titolo del post potreste sgamare immediatamente la mia età, nel caso vi foste lasciati scappare questo post, e anche una buona fetta del mio target cinematografico adolescenziale. Sì, Cocci alle volte ancora turba i miei sogni.
Ma questa è un’altra storia.

Oggi è lunedì. Ma mica un lunedì qualunque. Oggi è il lunedì grigio e piovoso che ha visto il rientro in ufficio della quipresente dopo i mesi benedetti della maternità.
Pignolo il lunedì, arriva sempre puntuale, avete notato?

Ho passato il weekend a fare scorte di Bibo.
Dei suoi sorrisi, ne ho messi via un po’ per ogni cliente che mi avrebbe fatta impazzire.
Ho annusato la nuca di Bibo fino a sembrare un cane da tartufo. Il suo profumo mi sarebbe poi servito per coprire i miasmi della zona industriale di produzione dei salumi che attraverso andando in ufficio, ‘na roba da far vomitare la colazione fatta in terza elementare con Tarallucci e thé scuro bollente (mai con il limone, I’m English, you know) credetemi. Che ancora non so come abbia potuto resistere nei primi mesi della gravidanza. Mistero.
Poi, ho stretto le sue manine nelle mie, per ancorarmi alla scrivania ogni volta che avrei voluto scappare a casa.
E ancora, ho fissato i suoi occhi grandi e fiduciosi, ripetendo a me stessa, più che a lui, che le mamme vanno, ma poi tornano. Le mamme tornano sempre dai loro bimbi.
Le mamme sono come i treni, sbuffano, corrono, spariscono all’orizzonte. Ma poi tornano sempre. Sulla puntualità poi, siamo come Trenitalia, ci scusiamo per il disagio e via dicendo. Tralasciamo.

Poi, ho disseminato la casa di post-it colorati e A4 pieni di punti esclamativi, con indicazioni a prova di…oddio, lo dico?!? Sì, non me ne vogliate, lo dico con affetto e con rispetto…a prova di nonno!
Ho preparato biberon e cucchiai e grattugie, mele, banane e latte in polvere in quantità industriali. Con precisione chirurgica ho buttato bavaglini e ciucci per tutta casa. Che non si sa mai.

Poi ho infilato in borsa una manata di cioccolatini. Eh. Oh. Bibo ha il ciuccio, Mamma ha i cremini FIAT.

Insomma. Tutto pronto. Tutti ai posti.
Pronti.
Partenza.
Via.

E, qui lo dico e qui lo nego, la mattinata in ufficio mi é vo.la.ta.

Ho avuto il famoso uovo sodo in gola per un pó, che non andava né su né giù. Qualche momento di zigaglino, lo ammetto (piagnucolio – nota per i non emiliani) mentre in macchina fissavo con occhi lucidi i tergicristalli sperando potessero ipnotizzarmi e farmi dimenticare che stavo rientrando sui binari del quotidiano, del “prima”.

Poi, quasi senza accorgermene (ma bruciando i semafori sul rientro che nemmeno Schumi ai tempi dei mondiali in Ferrari – ssssssssht, non ditelo a Papo!!!) ero di nuovo a casa, da Bibo.
Sana. Salva. Mamma.

E Bibo, direte voi?!
Bibo dormiva a bocca spalancata, sbavezzando placido sulla spalla della sua nonna adorante.
Sano. Salvo. Bibo.

Quando ha aperto gli occhi e li ha fissati nei miei ho sentito spostarsi il baricentro della Terra. Ho fatto un viaggio al centro dell’Universo, toccato il cielo con un dito, nuotato in un mare di gioia. Amore. Puro. Sono nata un’altra volta.

Insomma. Anche questa é andata.
Adesso mancano solo quattro giorni al weekend e 162 giorni alle ferie di Agosto ma, chi li conta?!? ; )

20140203-160328.jpg

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

6 thoughts on “OVO SODO

  1. Giorgia Bi ha detto:

    Ciaooo Silvia,
    Proprio bello il tuo blog!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: